Thursday, March 22, 2018

Of unrequited love -- Sull'amore non corrisposto

I have never been turned down. By any man, job or school. I think it's because I have a sort of playfulness that somehow always gets me through. 
Also, I have no boundaries
Oliver is the only one who didn't want me. And made all my certainties crumble. I was 13. 
We was my best friend's cousin's best friend, so it happened that this cousin had a basement in his home where we had replaced all lightbulbs with coloured ones, and we had a stereo: our own private disco. There were no windows in the basement, so even if we got together at 2 in the afternoon after school, we could pretend it was our night club. Our parents had no clue. They thought we were doing homework.
We played Hotel California and Ever Since the World Began, from the LP Rocky III, we let the boys hold us and danced. I fell in love with Oliver because he was kind and a bit shy, and when we danced his sweater would smell of fried food. I figured it was because his Mom was from Germany, and they had nothing but Krapfen for breakfast, lunch and dinner. 
It was an unrequited love. 
A couple of weeks ago I was in Italy visiting my parents. I had just parked in front of their house and was taking my bag from the trunk of the car. And out of nowhere appears this handsome man and says: "Hi... I am Oliver..."
I hadn't seen him in years. He is still kind and a bit shy, and my heart ached in longing for the kids we once were. He said his Mom died and the thought of the smell of Krapfen on his sweater made me want to hold him again.
I said I was really sorry for his loss and then, because, as I said, I have no boundaries, I said: "I was in love with you, you know?" And he smiled with the same longing for the kids we once were, and then we said goodbye. 


Non sono mai stata rifiutata da nessun uomo, lavoro o scuola. Penso che sia perché ho un modo di fare un po' giocoso che in qualche modo funge da lasciapassare. Inoltre non conosco limiti
Oliver è stato l'unico a non volermi. E ha sbriciolato tutte le mie certezze. Avevo 13 anni.
Era il migliore amico del cugino della mia migliore amica e questo cugino aveva una tavernetta nella sua casa dove avevamo sostituito tutte le lampadine con altre colorate, c'era uno stereo, e voilà la discoteca. Era una tavernetta senza finestre così anche se ci andavamo alle 2 dopo scuola sembrava di essere in un night club. I nostri genitori pensava facessimo i compiti.
Mettevamo la cassetta di Hotel California, o Ever Since the World Began, una canzone lenta e meravigliosa dell'LP Rocky III. I ragazzi ci prendevano fra le braccia e ballavamo i lenti. Mi sono innamorata di Oliver perché era gentile e un po' timido, e quando ballavo con lui, il suo maglione sapeva di fritto. Pensavo che fosse perché sua Mamma era tedesca, quindi probabilmente mangiavano solo Krapfen a colazione, pranzo e cena. 
Era un amore non corrisposto.
Un paio di settimane fa ero in Italia a trovare i miei. Avevo appena parcheggiato davanti a casa loro e stavo prendendo la borsa dal bagagliaio. E improvvisamente mi appare davanti quest'uomo sorridente e mi dice: "Ciao... sono Oliver..."
Non ci vedevamo da decenni. È ancora gentile e un po' timido e nel cuore ho avuto una fitta di malinconia per quei ragazzini nella tavernetta. Ha detto che sua Madre è morta e il ricordo del profumo di Krapfen sul suo maglione mi ha fatto venire voglia di abbracciarlo d nuovo. 
Gli ho detto che mi dispiaceva tanto per sua Mamma, e poi, siccome come ho detto non conosco limiti, gli ho detto: "Ero innamorata di te, sai?" e lui ha sorriso con la stessa malinconia per quei ragazzini nella tavernetta e poi ci siamo salutati. 

Sunday, March 11, 2018

on who makes the violins -- su chi fa i violini

I have been so busy, and missed this corner very much. There is so much in my mind, I am just so tired I can't put together a beautiful patchwork of a post. I will just say two things before I go to bed, or I will forget.

I was at a concert tonight and started observing the instruments. I wondered if the people who make these magical objects know all along what their job will be. I have never heard a child say: when I am big I want to make violins. Nobody ever asked me: lawyer, doctor or violin-maker? I would have had no doubt. 

Tonight I sat on my Poang and started reading a new book I got from my sister. It says that it was snowing, but the sea couldn't care less. It was eating up the snowflakes like popcorn. I wish I had come up with an image like that. It must have been in the land where violins are made. 


Ho avuto da fare e mi è mancato il tempo per quest'angolo. Ho tante cose in testa ma non riesco a farne un bel patchwork di un post. Dirò due cose però prima di andare a dormire. 

Stasera ero a un concerto e ho iniziato a pensare agli strumenti. Mi sono chiesta se gli artigiani che fanno questi oggetti magici sappiano fin dall'inizio quale sarà la loro missione. Non ho mai sentito un bambino dire: da grande voglio fare i violini. Non mi hanno mai chiesto: medicina, legge o violini? Non avrei avuto dubbi.

Stasera mi sono seduta sulla mia Poang e ho aperto un nuovo libro che mi ha dato mia sorella. C'è scritto che in un paese di mare nevicava, ma che al mare non importava affatto. "Si mangiava i fiocchi come popcorn". Avrei voluto scrivere io un'immagine del genere. Doveva trattarsi della terra in cui si fanno i violini. 

(pic from

Wednesday, January 31, 2018

of the selfie queen -- sulla regina dei selfie

When my grumpy teenagers saw the picture, they found it amazing.

Amazing that I didn't mess it up.

This is what they would have expected from me. 


Quando i due adolescenti impestati hanno visto la foto sono rimasti sconvolti.

Dal fatto che per una volta abbia mirato giusto.

Questo è ciò che si sarebbero aspettati conoscendomi. 

(pic from ME!)

Tuesday, January 30, 2018

of when Roger appears -- su quando appare Roger

To all of you I say: dream big, and blog about your celebrity crush.

This is me two days after I wrote this: of 10 reasons to love Roger Federer.

I got a bit of the real one after all. 


A tutti voi dico: sognate sogni impossibili e credeteci.

Questa sono io due giorni dopo aver scritto questo: su 10 ragioni per amare Roger Federer.

Un po' di quello vero, incredibile ma vero.

(pic from ME!)

Sunday, January 28, 2018

of 10 reasons to love Roger Federer -- su 10 ragioni per amare Roger Federer

This is a fantastic time to be alive. We've got antibiotics, Spotify and Roger Federer
Every time he plays in one of the Grand Slam finals, I lose 10 years of my life.
Oh Lord, I cannot take it, the tension, the excitement, the anticipation. 

So this morning at 9:30 Zürich time I was ready. 
My sister was up at 3:30 am Miami time. 
If she thinks that this is going to win her some extra fan points she should think again, I have a Swiss passport.

I just cannot sit still and watch. First breakfast, then I dusted the living room, I texted my sister and my mother who was also watching from Italy (same time zone), played my guitar, rearranged the books on the shelves, alphabetised the CDs, played some more guitar, did some jumping jacks and 200 sit-ups (2), all while  keeping my eyes glued on the TV screen, so much that they were drying up from lack of blinking. 

Ad he did it. He won his 20th Grand Slam at 36 years of age. 
Tired? Tell me about it, I was exhausted.

  1. Because he is so much of a man, that he is not ashamed to cry.
  2. Because his game combines such power and grace that you can't help but think of what e gentle, yet forceful... husband he must be. 
  3. Because no matter the pressure, he never turns into an angry jerk, he keeps his composure and concentration. No cursing. No smashing rackets. He knows his kids are watching.
  4. Because even in the midst of such a tense game, when one of the ball boys catches a flying ball, he pauses to smile at him
  5. Because he is not married to a model but to a real, beautiful woman. 
  6. Because when he last won Wimbledon, he first hugged and kissed his awaiting wife and parents before turning to greet the royals. 
  7. Because he is always available to his fans, even when my teenage son crashed the BBQ he was having with his family in the Swiss mountains, he took the time to say hi, take a selfie, admire his bike and tell him to be careful while he patted him on the back (never washed that T-shirt again). 
  8. Because he doesn't fit in any stereotype and does it playfully. 
  9. Because he goes through his astonishingly successful career with a sort of childlike wonder that sets him apart from everybody else. That makes him take selfies on the Zürich lake ferry, or pictures of the mountains when he goes hiking. 
  10. Did I mention gentle and forceful? Gentle and yet forceful

So this is why I watch tennis with my daughter, to let her know that every woman deserves her own Roger Federer. 
Or a bit of the real one in case they went through the trouble of obtaining a Swiss passport.


Che periodo storico fantastico questo. Abbiamo gli antibiotici, Spotify e Roger Federer. 

Ogni volta che gioca nella finale di un Grand Slam, perdo 10 anni di vita.
Mio Dio, non ce la faccio, che sofferenza, che tensione, che emozione!

Stamattina alle 9:30 ora di Zurigo ero pronta. 
Mia sorella si è alzata alle 3:30 del mattino, ora di Miami.
Se pensa con ciò di dimostrare più devozione di me si sbaglia di grosso, io ho il passaporto svizzero, ecco.

Non riesco a stare seduta a guardare. Prima la colazione, poi spolverato tutto il soggiorno, mandato messaggi con mia sorella e mia mamma (lei nel mio stesso fuso orario), suonato la chitarra, messo a posto i libri nella libreria, messo i CD in ordine alfabetico, suonato ancora un po' la chitarra, fatto saltelli e 200 addominali (2), il tutto senza mai staccare dalla tele gli occhi che si sono quasi seccati perché non battevo nemmeno ciglio per non perdermi niente. 

E ha vinto. A 36 anni il suo ventesimo Grand Slam. Stanco? A chi lo dici, ero distrutta. 

  1. Perché è talmente uomo che non si vergogna di piangere
  2. Perché gioca con una tal combinazione di grazia e potenza che non si può fare a meno di pensare che faccia lo stesso anche a letto casa. 
  3. Perché anche quando è sotto pressione, non diventa mai un cafone incazzato, rimane composto e concentrato. Niente parolacce. Niente racchette sfasciate. Sa che i suoi figli lo guardano.
  4. Perché anche nel mezzo di una partita così importante, quando un raccattapalle acchiappa una palla al volo, si gira a sorridergli.
  5. Perché non è sposato con una modella ma con una donna vera.
  6. Perché l'ultima volta che ha vinto Wimbledon, ha abbracciato e baciato prima lei e i suoi genitori e poi si è girato a salutare la famiglia reale.
  7. Perché è sempre disponibile per i suoi fans, perfino quando mio figlio da ragazzino ha interrotto il barbecue che stava facendo in montagna con la sua famiglia per farsi una foto con lui, lo ha trattato con gentilezza complimentandolo per la sua bici e dicendogli di fare attenzione mentre gli dava una pacca sulla spalla (maglietta mai più lavata). 
  8. Perché non appartiene a nessuna categoria e lo fa divertendosi.
  9. Perché vive questa sua carriera pazzesca con una sorta di meraviglia infantile che lo distingue da chiunque altro. Come quando si fa i selfie sul traghetto del lago di Zurigo, o sorridente mentre è in gita tra le sue montagne.
  10. Ho già parlato di grazia e potenza? Ecco. 
Ed è per questo che guardo il tennis con mia figlia. Perché sappia che ogni donna si merita il suo Roger Federer. 
O un po' di quello vero nel caso si sia presa la briga di ottenere la cittadinanza svizzera. 

(Pic from Sky Sports)

Saturday, January 27, 2018

of art classes and expat wives -- sulle lezioni di arte delle mogli expat

I don't know where it comes from. But I am obsessed by Frida Kahlo's self portraits
So much that at my art class all I do is turn other paintings into Frida Kahlo's portraits. 
Mona Lisa, the Girl with The Pearl Earring, Botticelli's Venus, you name it. They are all Mexican icons after my makeover. 
I put colourful flowers in their hair and give them a bushy brow and chunky jewellery. 
With jungle foliage and sometimes monkeys in the background. 

Ah, yes, I go to an art class, like most expat wives. There's only that much time you can spend hanging out with your friends at Starbucks bitching about the country of your most recent posting. 
It's either art, yoga or tennis. 

I never took anything but cooking classes, because being a chemist I love the alchemy of food. 
And because I hate stereotypes
I started taking art classes after we settled down and I got a job. Art and guitar lessons. 

Sometimes everything feels much more worthwhile when it's squeezed within a crazy-busy schedule. When it's the only highlight of your day it's a meaningless sham. 


Non so proprio da dove mi venga questa cosa, ma sono ossessionata dagli autoritratti di Frida Kahlo
Lo sono a tal punto che al corso di arte che frequento non faccio altro che trasformare altri ritratti in Frida Kahlo. 
Mona Lisa, la Ragazza con l'Orecchino di Perla, la Venere di Botticelli, avanti un'altra. 
Diventano tutte icone della cultura messicana, sotto il mio pennello. 
Metto loro fiori colorati nei capelli, delle sopracciglia importanti e gioielli massicci. 
Con sullo sfondo la giungla e a volte anche le scimmie. 

Ah, si, frequento un corso d'arte, come quasi tutte le mogli expat. Dopo un po' anche bere cappuccino da Starbucks con le amiche lamentandosi del paese in cui si vive diventa noioso. 
Di solito si passa all'arte, o al tennis o allo yoga. 

Io ho sempre frequentato soltanto corsi di cucina perché essendo una chimica mi piace l'alchimia del cibo.
E perché odio gli stereotipi. 
Ho iniziato a fare arte (e lezioni di chitarra) solo dopo che abbiamo smesso di girare per il mondo e ho ricominciato a lavorare.

Ogni cosa ha più sapore se è incastrata in una giornata pienissima. 
Quando è il tuo unico impegno della giornata è solo un'inutile farsa.

Friday, January 26, 2018

of forgotten memories -- su ricordi dimenticati

An event from 7 years ago just flashed through my mind (it was on Facebook Memories), and I think it's worth reporting so I too for once can be one of those annoying bloggers who report every single word pronounced by their small precious babies as if it were prophecies of the Lady of Medjugorje. 

It's a precious memory because it reminded me that there was a prequel in which my kids were not yet possessed by puberty. 
The pre-grumpy years. 
Good old times.

So one day we were walking down the street and crossed a blind man with his dog and cane ("cane" is dog in Italian, so I am writing "dog and cane" and feel like he had two dogs. I think this is called Linguistic Rebound) 
(I just made it up of course).

Anyway, the kids look at the blind man and my son,  the hopeless romantic, says:
"He'll never look at a sunset... or see Roger Federer play..."

To which my daughter, the hopeless pragmatist replied:
"He'll never know what to wear!"

(This is the same girl that when she heard that when I first saw Grease I was her age, said: "are you sure Mami? 'Cos it's got colours...)


Un evento di 7 anni fa mi è appena tornato in mente (era nelle Memories di Facebook) e ho voglia di scriverlo, così per una volta sarò anch'io come quelle mamme blogger che mi sfiniscono riportando ogni singola parola che esce dalle labbra dei loro preziosi pargoli, manco si trattasse di profezie di Medjugorje. 

Si tratta di un evento prezioso che mi ha ricordato che c'è stato un tempo in cui i due teenagers non erano ancora posseduti dal demonio dell'adolescenza (con il demonio e la Madonna di Medjugorje nello stesso post metto la palla al centro). 
Bei tempi.

È successo che un giorno eravamo per strada e abbiamo incrociato un signore cieco con tanto di cane e bastone. 

I bimbi lo hanno osservato  per un momento e poi mio figlio, l'inguaribile romantico, ha detto:
"Non vedrà mai un tramonto... e nemmeno Roger Federer giocare..."

A cui mia figlia, l'inguaribile pragmatica, ha aggiunto:
"Non saprà mai cosa mettersi!"

(Questa è la stessa donzella che quando le ho detto che la prima volta che avevo visto Grease avevo la sua età, mi ha risposto: "ma sei sicura, Mamma? È a colori, sai?")