Wednesday, February 22, 2017

of face and ass being indistinguishable -- dell'avere la faccia come il culo

So serial expats are not only exposed to multiple cultures but also to the very soul of the countries they live in: languages.
Being from Italy AND a girl, I can proudly say that there has never been such a thing as too much talking, as far as I am concerned, and that’s why I am fascinated by languages to the point that when I spot someone on the tram who is reading a book in a language I don’t understand, I get seriously upset.
I love idioms and untranslatable words, the latter being a strong indication of the culture of a country.

The Germans famously have Schadenfreude, the enjoyment of observing the misery of others.

The Japanese have Kyoikumama, a mother who pushes her children into academic achievements, and Kawaii, the quality of cuteness. The two terms to me are related, because although many foreigners find it silly that grown-ups in Japan still like to surround themselves with childish elements, I see it rather as touching effort to reclaim some of the childhood they spent coping with the disproportionate pressure to excel in school.

And then there is Italy, my home country, where the word Accountability is fittingly absent.
Our political class is in fact the master of unaccountability, which can freely be translated in Italian as: your face and your ass being indistinguishable.
We have many proud examples, like that one genius politician who a few years ago faked a heart-attack because in order to get to a TV studio on time for an interview, he needed an ambulance to bypass Rome’s horrible traffic jam. When the paramedics reported him, he declared (without ever apologizing): ‘Everybody behaves like an asshole at least once in their lifetime’. He might have been referring to the paramedics. 
There is also our politicians’ long tradition of unfulfilled promises to resign. Most recently our lovely secretary of the Council of Ministers, who probably thinks that her Botticelli’s Venus’ looks are enough to exonerate her from keeping her word (that and very powerful political affiliations).
And then there is Mr. Fano, whose picture recently grazed every news outlet in Italy, looking miserable in his hip bright-orange coat, after an investigative TV program showed that his department (the Anti-Discrimination Office) had authorized funding of 55,000 euros for gay sex clubs masquerading as cultural centers, clubs for which he apparently held a membership card. Of course, he blamed the press.

Which makes me think of retired people in Italy who live on a monthly 501,89 euro pension, and brings to mind another untranslatable word, this time from Indonesia: Jaysus: a joke so unfunny that one cannot help but laugh. Or like we would say in Italy: laugh to keep from crying.

-------------------------------------------------------------------------------------------------

Allora gli expat non sono soltanto esposti a diverse culture, ma anche all'anima stessa dei paesi in cui vivono: la lingua
Essendo italiana con l'aggravante di essere pure donna, posso dire con orgoglio di non essere mai incappata in problemi di comunicazione, sono affascinata dalle lingue straniere, a tal punto che se sul tram becco qualcuno che sta leggendo un libro in una lingua che non conosco, mi rovina l'umore per tutto il giorno. 
Amo i modi di dire e le parole intraducibili, che spesso la dicono lunga sulla cultura di un paese.

I tedeschi per esempio hanno Schadenfreude, il godimento che si prova a veder soffrire gli altri.

I giapponesi hanno Kyoikumama, una madre che spinge i figli ad eccellere a scuola, e Kawaii, la qualità di essere carino.  Ho sempre trovato che i due termini siano in relazione, perché nonostante molti stranieri trovino sciocchi gli elementi infantili di cui anche gli adulti in Giappone amano circondarsi, per me non si tratta che di un commovente tentativo di riscattare quell'infanzia che hanno passato sudando sangue sui libri. 

E poi c'è l'Italia, il mio paese, dove il termine ACCOUNTABILITY è palesemente assente. Accountability significa rendere conto delle proprie azioni prendendosene la responsabilità. Fa ridere, vero? Che coglione farebbe mai una cosa del genere? La nostra classe politica soprattutto è esperta del contrario, UNACCOUNTABILITY, che si potrebbe letteralmente tradurre come: avere la faccia come il culo. 
Ci sono tanti esempi di questo fenomeno, come per esempio quel parlamentare che anni fa finse di avere un infarto per farsi portare da un'ambulanza ad un'intervista televisiva che non voleva perdersi, battendo così il traffico di Roma. Quando gli infermieri dell'ambulanza lo denunciarono, lui rispose (senza peraltro mai scusarsi): 'L'ora del coglione arriva per tutti almeno una volta nella vita.' Se si riferisse a sé stesso o agli infermieri non è dato sapere. 
E poi c'è la lunga tradizione delle promesse di dimissioni mai mantenute. Recentemente la nostra cara segretaria del consiglio dei ministri, certa che il fatto che assomigli alla Venere del Botticelli, sia sufficiente ad esonerarla dal mantenere la parola data (questo e anche legami politici molto potenti).
E poi c'è il povero signor Fano, la cui foto è stata sbattuta nei giorni scorsi sulla prima pagina di tutti i giornali, col suo cappottino arancione all'ultima moda, dopo che un programma televisivo investigativo ha scoperto che il suo dipartimento governativo aveva autorizzato finanziamenti per 55,000 euro per dei club gay spacciati per centri culturali, club presso i quali peraltro era lui stesso regolarmente tesserato. Naturalmente ha accusato la 'macchina del fango della stampa'.
Il che mi fa pensare a pensionati che in Italia vivono con 501,89 euro di pensione minima, e mi porta ad un'altra parola intraducibile, questa volta indonesiana: Jaysus: uno scherzo che fa talmente poco ridere, che ti viene da ridere. O come diremmo in italiano: ridere per non piangere.

Tuesday, February 14, 2017

of the MBA -- sull' MBA

So in a month it will start, and again I will be the queen of disguise and transformation: my MBA at the University of St Gallen. I do it because I want to explore new opportunities (time for a career change), set a good example for my kids (it's always a good time to learn), carpe the diem (what new doors will this master open for me?), but mostly because I LOVED the people who came to the info evening, and knew right away that that's going to be my new fearless tribe. Especially those two badass Russian ladies, we'll do the aprés-lerning after the lessons and it will not end well! So basically I chose the school based on the school trip.

The problem is that I don't know where to stuff new information in my brain anymore, there is no more space. The German for example has removed all the Greek and Latin, coiling around the same rusty declinations and now they are gone. Where will all this new knowledge settle? Perhaps in that part of the brain responsible for turning me into a responsible grown-up. That's right! It's been conspicously empty from the beginning anyway.

--------------------------------------------------------------------------------------------

Allora tra un mesetto inizia, e di nuovo sarò la regina del travestimento e della trasformazione: il mio MBA all'Universitá di S. Gallen. Lo faccio perché voglio esplorare nuove opportunitá (è forse il momento di cambiare carriera?), per dare il buon esempio ai miei figli (si studia per tutta la vita), per fare carpe diem (chissá che nuove porte si apriranno per me?) ma soprattutto perché voglio a tutti i costi far parte di quel gruppo di persone fantastiche che ho conosciuto alla prima serata informativa, saranno la mia nuova tribú impavida. Specialmente le due tipe russe con cui mi troveró al bar per il dopo-lezioni, e non finirá bene. Quindi praticamnte ho scelto la scuola basandomi sulla gita.

Il problema è che non so dove mettere tutte queste nuove informazioni nel mio cervello, non c'è piú posto. Il tedesco per esempio ha preso il posto del greco e del latino, si è attorcigliato attorno alle stesse declinazioni arrugginite e li ha mandati via. Dove si sistemerá tutta questa nuova conoscenza? Forse in quel compartimento del mio cervello responsabile per farmi diventare un'adulta responsabile, ecco si, tanto quello è sempre stato chiaramente vuoto.


Sunday, February 5, 2017

On the moving secret of youth -- Sul segreto in movimento della gioventù

So, it's my grandparents, that’s who started it. They were expat: it was written in my blood.
My grandfather, he was the restless one, he was a brilliant soccer player, but his parents sent him to university to study chemistry. He started working in a textile manufacturing plant, whose owner also owned a soccer team, where my grandfather could continue his sports career.
It’s as if Gigi Buffon were an engineer and designed cars for Fiat whenever he’s off the field. 

Then my grandfather decided to move to India. It was 1934. My grandmother thought for a second about leaving her family and settling for a life of curry and snake charmers halfway around the world and immediately got pregnant, so they couldn’t go. They did move, anyway, to southern Italy where they ate no curry and met no snake charmers but still had their share of adventures, because in those days Italy was a boot of much bigger size, distances were not what they are today. 
They moved again, and again and eventually when my grandfather retired, they settled down in my grandmother’s hometown, where they had started from. I was little then and I remember them buying furniture, their home always smelled of new fabric and to me they were young until the end.
Because expat life with its insatiable need for flexibility and open-mindedness keeps us in a state of perpetual puberty.

But it’s their wedding day, which is expat perfection.
They got married in a hurry, because they thought they’d soon move to India, so they just had a few people attending the ceremony.
My grandfather and his brother, the best man, were late for the ceremony, because on the way to the church they had run into a burning house, and had stopped to help put out the fire. Their best suits were a bit smoky too.
They got married early in the morning in a church decorated for a later wedding, the flowers were not theirs, the white bows on the benches neither. Nevertheless someone who had not been invited to the ceremony, peeked inside and seeing them in the midst of such splendour, commented in Piedmontese dialect: che spatus! (such show-offs!)

So there you have it: the improvisation, the unexpected and the judgmental onlookers who don’t have a clue.

-----------------------------------------------------------------------------------------

Allora sono stati loro, i miei nonni. Erano expat quindi ce l’avevo scritto nel sangue.
Mio nonno era quello che non riusciva a stare fermo. Era un affermato calciatore ma i suoi genitori lo hanno mandato all’università a studiare chimica. Il suo primo lavoro fu presso una ditta tessile il cui proprietario possedeva anche una squadra di calcio, così quando non lavorava, poteva continuare a coltivare la sua carriera sportiva.
È come se Buffon fosse un ingegnere che quando non è in campo progetta macchine per la Fiat.

Poi a mio nonno è venuto in mente di trasferirsi in India. Era il 1934. Mia nonna ha pensato per un momento a lasciare la sua famiglia per vivere di curry in mezzo ad incantatori di serpenti dall’altra parte del mondo e in quattro e quattr’otto è rimasta incinta, così non sono partiti. In realtà sono partiti lo stesso, ma per il sud Italia dove non c’erano né curry né incantatori di serpenti, ma lo stesso hanno avuto le loro avventure, perché le distanze allora erano altre, e lo stivale dell’Italia era di una misura molto più grossa. Si sono trasferiti altre tre volte per poi stabilirsi nel paese di mia nonna quando mio nonnno è andato in pensione, là dove tutto era iniziato.
Io ero piccola allora e mi ricordo che stavano comprando i mobili, la loro casa aveva sempre un profumo di stoffa nuova e ai miei occhi loro sono rimasti giovani fino alla fine.
Perché la vita da expat, con la sua fame insaziabile di flessibilità e apertura mentale, ci mantiene in uno stato di perenne adolescenza.

Ma è il giorno del loro matrimonio, che racchiude l’essenza della vita expat:
Si sono sposati in fretta e furia, perché pensavano di dover partire per l’India di lì a poco, quindi c’erano solo una manciata di invitati.
Mio nonno e il suo testimone sono arrivati tardi alla cerimonia, perchè lungo la strada si erano imbattuti in un incendio, e si erano fermati ad aiutare a spegnerlo. I loro abiti buoni erano tutti sbruciacchiati.
Si sono sposati al mattino presto in una Chiesa che era già decorata per un altro matrimonio che sarebbe avvenuto più tardi. I fiori non erano loro e così pure i nastri bianchi sulle panche. Ciò nonostante qualcuno che non era stato invitato, curiosando nella Chiesa e vedendo tanto sfarzo ha commentato in piemontese: che spatus! (che esagerazione!)


Ed ecco a voi gli tutti gli ingredienti: l’improvvisazione, l’inaspettato e i criticoni che parlano senza avere la più pallida idea.

Tuesday, January 31, 2017

Of the uplifting power of books -- Sul potere dei libri di elevare

So I have come across the blog of this lovely and very smart girl (she likes the stuff I write) and it turns out that she has three kids and reads on average one book per week.
Which immediately made me think fondly of all the books I also picked up when my own kids were small.

To stick under one of the table’s legs if they weren’t even, or to hold the window open and prevent it from banging.
To use as pot holder if I couldn't find one, or swat the occasional spider on the wall.

Or in case of my massive Latin and Greek dictionaries, I fondly used them as steps whenever I needed to reach something on an upper shelf.
(They are actually the ones that fondly ended up on an upper shelf the moment I graduated, never to be seen again

---------------------------------------------------------------------------------------------------

Allora mi sono imbattuta nel blog di questa ragazza intelligentissima (le piace la roba che scrivo) e ho scoperto che ha tre bambini e legge in media un libro alla settimana.
Il che mi ha fatto subito ripensare con affetto a tutti i libri che anch’io ho preso in mano quando i miei bimbi erano piccoli.

Per livellare una gamba del tavolo se ballava o tenere la finestra aperta senza che sbattesse.
Se non trovavo un sottopentola o per schiacciare qualche povero ragno sul muro.

O nel caso dei miei giganteschi vocabolari di latino e greco, per usarli amovevolmente come sgabello se dovevo raggiungere uno scaffale in alto.
In realtà sono loro ad essere finiti su uno scaffale in alto a casa dei miei il giorno dopo la maturità, in modo da non doverli amorevolmente rivedere mai più.  

Sunday, January 29, 2017

Of the shrinking effect -- Sul restringimento globale

So yes, I am practically blind from having gone through the 4-somehting-hours of the Australian Open final without blinking for FOMO. But this is not what I want to say.
We expats do not just take our official language from Anglo-Saxon lands. Many of us have lived there at some point, and are naturally drawn towards them, because of their multiculturalism and the fact that most international students end up attending university either in the US or in England.

I do not want to compare expats to refugees, because I know I am a spoiled bitch and bla bla bla I-have-heard-it-a-million-times-already-thankyouverymuch. But having moved several times we are, de facto a stateless people, hopping around the world with a bunch of kids who belong nowhere and everywhere at the same time.   We’ve always had an unwavering feeling that we’d hop on feeling welcome, but now I am not quite sure. The stepping stones are shrinking, and we might eventually fall through.

----------------------------------------------------------------------------------------------------

Ebbene si, sono praticamente cieca dopo aver guardato la finale degli Australian Open per più di quattro ore senza battere ciglio (letteralmente) per paura di perdermi qualcosa.
Ma non è di questo che vorrei parlare.
Noi expat non abbiamo solo preso dai paesi anglosassoni la nostra lingua ufficiale. Molti di noi ci hanno anche abitato, ad un certo punto della nostra vita, e ci siamo sempre trovati bene grazie alla grande tradizione multiculturale che questi paesi possono vantare. Inoltre la maggior parte dei ragazzi expat finiscono di solito a frequentare un’università in Inghilterra o negli Stati Uniti.


Non voglio di certo paragonarci a dei rifugiati, perché so già che sono una stronza viziata e bla bla bla l’ho-già-sentito-mille-volte-grazie. Ma chi di noi ha collezionato diversi traslochi, è de facto diventato apolide, saltellando qua e là in giro per il mondo con a carico dei pargoli che si sentono a casa dappertutto e da nessuna parte. Abbiamo sempre avuto una certezza incrollabile che saltello dopo saltello, saremmo stati i benvenuti, ma adesso non ne sono più certa. Le pietre su cui poggiamo attraversando il fiume del nostro girovagare si stanno restringendo e per la prima volta ho paura di cadere.