Sunday, September 23, 2018

of the expat misconception -- sul malinteso expat


I met a filmmaker who wants to produce a documentary about expat wives. I thought this was a great idea, given the general misconceptions surrounding these somewhat mystical and elusive creaturesI was surprised that she'd been interested in us without having ever been an expat herself, accustomed as I am to the general lack of interest for a category that's regularly dismissed as:

  •  arrogant
  •  patronising
  •  privileged
  •  SUV-driving 
  •  whiny bitches

I once read we supposedly fake an accent during home visits just to get more attention...

What could I tell her over coffee? I stuck to the essentials: 

The unbalance, the resentment, and their lovely child: the recognition paradox, better explained through role playing (as any therapist who has worked with traumatised patients knows).

So let's play Aladdin and then the Titanic, shall we? Here we go.

To the outside world, the expat wife is Princess Jasmine stepping from her balcony onto Aladdin's magic carpet.
She is the lucky one getting a free ride to a luxury lifestyle thanks to HIS hard work and dedication. She travels the world, doesn't need to work, drives his company car and hangs out at Starbucks with her expat friends. A free ride on somebody else's ticket.  
He takes her hand and seductively sings: 


I can show you the world, shiny shimmering splendid

But of course, he stops cold before the following verse: 


Tell me princess, now when did you last let your heart decide

AH! The expat-Aladdin is smart enough to never go there, because expat-Jasmine has given up most of her decisional power when they packed their things and set off to their first relocation overseas. Better not remind her.

Which brings us straight to The Titanic:

The expat wife is usually "the accompanying (or trailing) spouse", which means that the family was shipped overseas on a working contract that bears the lovely husband's name. 
But the wife doesn't just "trail", as the definition might suggest, she  jumps into the role of professional relocation master, dealing in several countries with all the little details that make daily life possible, while also sometimes popping out a couple of kids in hospitals where nobody speaks her mother tongue. A contradiction in and of itself, because what else is a mother tongue if not The language to be spoken while becoming a mother?

While adapting over and over to new countries, languages, cultures, homes, neighbours, schools, traffic rules, circles of friends, doctors, hairdressers and supermarkets, he also perfects the art of denying her own needs, and trying to dismiss the nagging discomfort of not being financially independent

The husband is the captain of the ship. He holds the compass, sets the route. Gazes into the horizon with a look of purpose in his eyes and his subordinates patting him on the back. 
His wife? She is down deep below deck, sweating, swearing, greasing the wheels and shovelling coal into the engines, so that the ship can sail full power and everything keeps running smoothly.

Does she get to join him in all his basking glory? Sometimes, but diplomatic wives are more accustomed to the spotlight than corporate ones. 
For us a dinner with his colleagues is such a sporadic event that we tend to get nervous like Jack at the dignitaries' table, afraid of picking the wrong fork. And like Jack we try to impress by smugly proclaiming 


"I love waking up in the morning not knowing what's gonna happen, or who I'm gonna meet, where I'm gonna wind up"

while secretly longing to be back down below deck to hang out with our expat girlfriends, where the real fun is actually happening: the dancing and spinning and the booze and occasional toe challenge we can recount to our friends during home visit. But with an accent.
Because that's the way they Princess Jasmine is supposed to talk. 

(I know you were expecting the iceberg) (sooner or later it will come)


-----------------------------

Ho conosciuto una produttrice cinematografica che vuole fare un documentario sulle mogli expat
Ho subito pensato che fosse un'ottima idea, considerati i pregiudizi e gli equivoci che circondano queste creature mistiche e fuggevoli. 
Mi sono stupita del fatto che si interessasse a noi expat senza essere mai stata lei stessa parte di questo mondo di vagabondi, visto che normalmente noi mogli expat veniamo sbrigativamente etichettate come:

  • arroganti
  • saccenti
  • privilegiate
  • al volante di macchinoni 
  • capricciose e viziate

Una volta ho perfino letto che a quanto pare durante i rientri a casa parliamo con un accento straniero per attirare ancora di più l'attenzione...

Cosa potevo dirle nel tempo di bere un caffè? Mi sono limitata all'essenziale:

Lo sbilanciamento, il risentimento e il loro figlio prediletto: il paradosso del riconoscimento, che si può spiegare con un gioco di ruolo (come ogni psicologo che tratti pazienti traumatizzati sa bene).

Allora giochiamo a Aladino e al Titanic, pronti? Via!

Il mondo esterno vede la moglie expat come la Principessa Jasmine che dal suo balcone sale sul tappeto volante  di Aladino. 
È fortunata a viaggiare gratis verso uno stile di vita lussuoso grazie al grande impegno di lavoro di suo marito. Gira il mondo, lei, non ha bisogno di lavorare, guida la macchina della ditta di lui e perde tempo da Starbucks con le altre sue amiche expat. Un giro gratis alle spalle di qualcun altro
Lui le prende la mano e le canta seducente: 


Ti posso mostrare il mondo, splendente, brillante, splendido. 

Ma non si avvicina nemmeno al verso seguente, quello che dice 


dimmi, principessa, quand'è l'ultima volta che hai deciso qualcosa tu? 

Eh no! L'expat-Aladino non è mica scemo e sa benissimo che l'expat-Jasmine ha da tempo rinunciato a gran parte del suo potere decisionale, praticamente dal momento in cui hanno impacchettato le loro cose per la prima assegnazione internazionale. Meglio non ricordarglielo. 

Il che ci porta dritti al Titanic:

La moglie expat è solitamente la coniuge "accompagnatrice", perché la famiglia è stata spedita all'estero con un contratto di lavoro che porta il nome del caro marito. Ma la moglie expat fa ben altro oltre ad accompagnare. Diventa a tutti gli effetti un'esperta di traslochi intercontinentali, sbrigando nei vari paesi tutti i piccoli grandi dettagli che rendono possibile la vita quotidiana e nel frattempo a volte spara fuori anche un paio di marmocchi in ospedali in cui nessuno parla la sua lingua madre. Una tragica contraddizione, visto che la lingua madre altro non è che la lingua di quando si diventa madre

Mentre continua ad adattarsi ripetutamente a nuovi paesi, lingue, culture, case, vicini, scuole, regole della strada, giri di amici, dottori, parrucchieri e supermercati, diventa anche un'esperta nel rinnegare le proprie necessità e nel cercare disperatamente di mettere a tacere quella frustrazione costante di non essere economicamente indipendente

Il marito è il capitano della nave. Ha in mano la bussola, decide la rotta. Guarda fisso all'orizzonte con uno sguardo intenso, circondato e complimentato dai suoi colleghi. 
E la moglie? Ah! Lei è giù sottocoperta che suda e cristona mentre olia gli ingranaggi e spaletta carbone nel motore, in modo che la nave continui la sua rotta, e che tutto fili liscio

E lei non condivide la luce dei riflettori? A volte, ma sono le mogli dei diplomatici che sono più sovente incluse negli eventi mondani. A noi capita raramente, la sporadica cena coi colleghi, infatti ci sentiamo un po' fuori luogo come Jack al tavolo dei dignitari che non sa bene quale forchetta usare. E come Jack facciamo le spavalde dichiarando: 


"adoro svegliarmi ogni mattina senza sapere cosa succederà o chi incontrerò o dove andrò a finire

mentre in realtà aspettiamo solo di poter tornare giù sottocoperta dalle nostre amiche expat, che almeno loro si che sanno come ci si diverte: la musica, la danza, l'alcool, e occasionalmente anche la sfida sulla punta dei piedi che poi potremo raccontare ai nostri amici durante i rientri a casa. Ma con l'accento straniero. Da vera principessa Jasmine. 

(lo so che vi aspettavate l'iceberg) (prima o poi arriva)

(pics from ohms.disney.com and sopse.org.uk)

Sunday, September 16, 2018

of expats' mixed languages -- sul miscuglio di lingue expat




If there is one thing I cannot stand, it's Moms' blogs. We get it, you are the only one in the history of the world to ever have had a baby, and that's amazing. 
More annoying than that are just the online names they make up for their kids, such as Lilo and Stitch, or The Gentle Giant or The Pug or The little Buddha. Because we need to know every amazing thing your little ones say and do and even how many times a day they poop and what colour it is, but God forbid you tell us their real names.


That's private!

So today I want to tell you what amazing thing my Princess is up to these days.

She is amazing.

Being a multilingual amazing third culture kid, she writes amazing messages with her amazing phone using all the amazing languages she knows and choosing the shortest term at hand. (Which is PRECISELY what I do when I write down cooking recipes. Amazing genes don't lie).
So before she left for her scout camp, The Amazing Princess wrote:


MI MANDI IL BLATT CHE HAI AUSGEFÜLLT, PENSO CHE LO FORGOT


Which is Italian-German-English for:

CAN YOU SEND ME THE PAPER YOU FILLED OUT, I THINK I LEFT IT AT HOME

So move over, Alan Turing: we have our own Imitation Game at home every single day. The secret services still didn't get it, that their best recruits are  among expat Moms. 


------------------------------------

Se c'è una cosa che non sopporto, sono i blogs delle Mamme. L'abbiamo capito, ok? Sei l'unica nella storia dell'universo ad avere avuto un bambino, fantastico! 
Se poi danno anche quei soprannomi virtuali ai loro pargoli, come Lilo e Stitch, Il Gigante Buono, Il Cucciolo o Il Piccolo Buddha, non ce la posso proprio fare. Perché ti senti in dovere di raccontarci ogni fantastico passo e parola del tuo piccolo, incluso quante volte va al bagno e di che colore la fa, ma che Dio ci scampi dallo scoprire il suo vero nome! 


Sono informazioni riservate!


E quindi oggi vi racconto il fantastico talento della mia Principessa.



È fantastico. 

Trattandosi di una fantastica creatura multilingue e "figlia della terza cultura", quando scrive fantastici messaggi col suo fantastico telefono, utilizza tutte le fantastiche lingue che conosce, scegliendo il termine a disposizione più breve (il che è ESATTAMENTE quello che faccio anch'io quando mi annoto una ricetta. Un DNA fantastico non mente).
Quindi, il giorno che è partita per il campo scout, la mia Principessa meravigliosa mi ha scritto:


MI MANDI IL BLATT CHE HAI AUSGEFÜLLT, PENSO CHE LO FORGOT


Che è una frase in tedesco-inglese-italiano per dire:

MI MANDI IL FOGLIO CHE HAI COMPILATO, PENSO DI AVERLO DIMENTICATO

Quindi fai posto, Alan Turing, perché abbiamo anche noi il nostro Imitation Game quotidiano qui a casa nostra e i servizi segreti non hanno ancora capito che dovrebbero assumere solo ed esclusivamente Mamme expat. 

(pic: Enigma Machine Patent from mypatentprints.com)


Wednesday, September 12, 2018

of leaving the nest — sul lasciare il nido


So my son left for university. 

It's been so exciting watching his dream come true and I have been so happy for him, shared his enthusiasm, helped him with the application process, cheered him on during exams. 
And when the time came, together we boarded the plane that would take him so very far away. I watched him with his guitar strapped on his back, his step steady, as he hopped off Swiss soil saying "hasta luego" with that lightness if spirit that only the young have, because they are not yet burdened by existential ruminations.

I flew back alone a few days later and when the plane's tyres left that other continent that will be his home, the pain of separation became so vivid and crude, that for a moment even all my legendary optimism couldn't dress it up as anything else. As great opportunity. As chance of a lifetime. As what will make him fully bloom into the great man he's growing into. 


No.


It was just the raw pain of separation.

It's such a constant in the life of expatriate families, the toxic surplus of goodbyes, it tends to settle in like background noise, this constant melancholy of living without your family around. And somehow it becomes bearable.

But when a child leaves the nest, it's not the same. A Mother's DNA changes. It unravels from its original double helix structure and wraps itself around her heart like a crown of thorns. 
Yes, I am even dropping religious references here, because my plane has long landed, but the dust is still settling.  

I know this is temporary, and that with air travel and FaceTime and the other Devil's works (quoting my Grandma here) the distance will be shortened.
This is the harbour where he cast anchor. We are here. His roots are here. And most of all, his Vespa


-------------------------------


Mio figlio è partito per l'università. 

È stato esaltante vederlo realizzare il suo sogno e sono stata felice di supportarlo nel processo di selezione, ho fatto il tifo per lui durante gli esami.
E quando il giorno di partire è arrivato, siamo saliti insieme sull'aereo che lo avrebbe portato così lontano. L'ho guardato con la chitarra a tracolla, il passo deciso mentre lasciava la Svizzera dicendo "hasta luego" con quella leggerezza di spirito che solo i giovani hanno, perché ancora non sono gravati da riflessioni esistenziali. 

Sono tornata indietro da sola dopo qualche giorno e quando il carrello dell'aereo si è staccato da terra durante il decollo, ho sentito che lo stavo lasciando su un altro continente e il dolore della separazione è stato così vivido e crudo che per una volta nemmeno il mio leggendario ottimismo è riuscito a travestirlo da qualcos'altro. Da grande opportunità. Da occasione di una vita. Da ciò che lo farà crescere e sbocciare nell'uomo meraviglioso che sta diventando. 

No.

C'era solo l'atroce dolore della separazione.

Per noi expat questo tossico surplus di distacchi è una costante, purtroppo. Tende a diventare un rumore di fondo, la malinconia cronica del vivere lontani dalla propria famiglia. E in qualche modo diventa sopportabile. 

Ma quando un figlio lascia il nido, non è la stessa cosa. Il DNA di una mamma si trasforma. Si srotola dalla sua forma originale a doppia elica e le si avvolge intorno al cuore come una corona di spine. 
Ebbene si, ci sto cacciando pure i riferimenti religiosi adesso, perché anche se il mio aereo è già atterrato da settimane, le acque devono ancora calmarsi. 

So che è tutto temporaneo e che con gli aerei, FaceTime e tutte quelle diavolerie (cito mia Nonna) la distanza sarà ridotta. 
Questo è il porto in cui ha gettato ancora. Qui ci siamo noi. Le sue radici. E soprattutto la sua Vespa

(pic from Pixabay.com)




Tuesday, September 11, 2018

of the truth about expats -- sulla verità sulla vita expat

Long time no write. So much has been going on. I've got to write about kids leaving the nest, about midlife crisis of whatever it is. About the zen of tennis. About Moms' blogs' nicknames for kids. About things only Mothers can see. But I'll start with expats, because isn't it what this blog is supposed to be about?

The truth is that I am a bit fed up with this Expat business.

When I wrote my book about our expat years around the world, I didn't think of the consequences, it was really just meant for my kids, so they'd read it someday or bring it to their therapy sessions and tell their shrink that yes, it was their parents that were nuts.  
But the truth is that as someone said, things aren't real until you write them down and so the book hit me smack in the face with the reality of the expat condition and all the implications that I had so far failed to analyse because I was too deeply immersed in it.

Whenever I got the chance to present my book, I resisted the role of expert or activist, because I didn't care about trying to explain to non-expats how it feels or to elaborate with expats how to make the most of it without succumbing. 
I am just over it.  

The truth is that you pack and leave to follow your spouse abroad at a time in your life when a sort of romantic enchantment makes your career seem worth giving up for the man of your dreams. The call for adventure also plays a role.
You spend the following n. years having babies in countries where nobody speaks your language,  making friends you already know you'll have to leave, and being everybody's coach and psychologist and driver and cook and maid and travel agent and real estate agent and tutor (for free), while still hanging on to that good old call for adventure although it's taken a bit of a beating, and to the idea that once the expat years are over, you'll go back to your life / career. 
HA! 

The truth is that by the time you actually manage scrap together a shred of a career, to finally regain some personal recognition (joke number one) and financial independence (joke number 2), there is a whole new set of situations that require your time and attention: ageing grandparents, kids at university, they are all pulling you in different directions (and often different continents).

So the truth is that your time never comes

That's why I couldn't answer another question about expatriate living during my book presentation. I don't want to be the one to break it to you. 
Even given all the information available online, the truth is that I cannot believe how naive expats still are. 
You are welcome. 

---------------------------------------------------

È passato un bel po', è successo di tutto. Dovrei scrivere di figli che lasciano il nido, di crisi di mezza età e simili. Dello zen del tennis. Dei soprannomi insopportabili che le Mamme bloggers danno ai loro bambini. Di cose che solo le Mamme vedono. Invece scrivo di expat perché se non sbaglio questo blog parla di loro. 

La verità è che mi sono stancata di questo mondo expat. 

Quando ho scritto il mio libro sui nostri anni in giro per il mondo, non ho pensato alle conseguenze, l'ho scritto per i miei ragazzi, perché un giorno potessero leggerlo o portarselo dallo psichiatra per dimostrare che i pazzi erano i loro genitori. 
Ma la verità è che, come ho letto da qualche parte, soltanto quando le cose sono scritte, diventano reali e quindi questo libro ha dipinto un mondo nel quale ero immersa da anni ma che per la prima volta ho visto nella sua integrità.

Ogni volta che ho dovuto presentare il libro, mi sono sentita a disagio nel ruolo di esperta o attivista, perché proprio non me la sentivo di spiegare ai non-expat cosa vuol dire vivere senza radici e agli expat come sopravvivere ai mille traslochi. 
Non mi interessa più. 

La verità è che quando molli tutto e fai le valigie e parti per seguire tuo marito, sei in una fase della tua vita in cui l'ideale romantico della vostra vita insieme sembra avere più valore di qualunque cosa tu facessi fino a quel momento. Il richiamo dell'avventura fa il resto. 
Poi ti ritrovi ad avere bambini in paesi in cui nessuno parla la tua lingua, stringendo amicizie che sai già saranno a tempo e lavorando (gratis) come allenatrice, psicologa, cuoca, domestica, autista, agente di viaggio, agente immobiliare, insegnante per il resto della truppa, aggrappandoti all'idea che prima o poi, quando gli anni expat saranno finiti, potrai riavere la tua vita e la tua carriera. 
HA!

La verità è che ora che riesci a rimettere insieme uno straccio di carriera per riavere finalmente un po' di riconoscimento (barzelletta numero 1) e indipendenza economica (barzelletta numero 2), c'è tutta una nuova lista di situazioni che richiedono la tua attenzione: genitori anziani e figli all'università, tutti che ti tirano in direzioni diverse e spesso anche su continenti diversi. 

Quindi la verità è che il tuo momento non arriverà mai

È per quello che non posso più rispondere alle domande sugli expat. Non voglio essere io a fare la Cassandra. 
Perché anche con tutte le informazioni reperibili online, la verità è che ancora non mi capacito di quanto ingenue noi expat continuiamo a essere. 
Non c'è di che. 

(pic from iwearthetruth.com)(I swear)

Tuesday, June 12, 2018

of flying with expat kids - sul volare con bambini expat


THIS IS AN ANNOUNCEMENT TO ALL AIRPORTS AND AIRLINES IN THE WORLD

Families with children under four needn't be the ones to board the plane first. 

If the flight happens to be over 8 hours long, we would actually rather not board at all! But this is not the point. 

The point is that our time with the kids on board should be limited to the minimum. Take off, landing, done. Because it's hard enough, thank you. 

And then there is the walk of shame, as we approach the gate like a caravan of beduins crossing the desert: loaded with kids, bags, toys, carseats and strollers, we walk side by side with the business-class passengers who also get priority boarding, and the contrast could not be more striking. 
We know what they are thinking: "God, I know I haven't ....... (a number of business-class passengers' sins such as "given money to the poor instead of shopping at Prada") but please, PLEASE, don't make them be seated  next to me." 

I was once sitting on the plane with my then 7-month-old son (after priority-fucking-boarding) when a couple found their seats next to a very overweight fellow a few rows ahead of us. And this is what the husband told his wife to ease some of her anguish: "(rolling his eyes towards us) at least it's not the baby..." With the same horrified relief of a teenager who just got her period after being late.

So no priority boarding. What families with children under four need instead, and I mean really really need, is a PRIORITY LANE FOR PASSPORT CONTROL IN THE COUNTRY OF DESTINATION
We do not look forward to boarding the plane but once we land with 1, 2 or 3 overtired, cranky, nauseous, hungry, thirsty,  jet-lagged kids, WE CANNOT WAIT TO GET THE HELL OUT. 

That's all, thank you, not too much to ask, really. 
The first country that implements this simple yet innovative measure, will need to work on its infrastructures and brace for an expat invasion. What's good for expats is good for the economy. 

You are welcome.  


------------------------


QUESTO È UN ANNUNCIO UFFICIALE PER TUTTI GLI AEROPORTI E LE COMPAGNIE AEREE DEL MONDO:

Non c'è bisogno che le famiglie con bambini sotto i quattro anni salgano per primi sull'aereo.

Se il volo è più lungo di 8 ore  poi, non vogliamo salire per primi, né per ultimi. Non vogliamo proprio salire. Ma questo non è il punto. 

Il punto è che il tempo trascorso a bordo con i bambini piccoli dovrebbe essere ridotto al minimo: decollo, atterraggio, e fuori. Perché è già abbastanza difficile, grazie. 

E poi c'è la processione della vergogna, mentre ci avviciniamo al gate come una carovana di beduini nel deserto: carichi di bambini, borse, giochi, seggiolini della macchina e passeggini procediamo insieme ai passeggeri che volano in business class, i quali godono ugualmente del privilegio di salire per primi, e il contrasto non potrebbe essere più tragico. 
Sappiamo benissimo cosa pensano guardandoci: "Dio, lo so che non ho ....... (qualche peccato da passeggero che vola in business, tipo "dato i soldi ai poveri invece di fare shopping da Prada") ma ti prego, TI PREGO, fa che non siano seduti vicino a me!"

Una volta mi ero appena seduta su un aereo con mio figlio che allora aveva 7 mesi, e vedo arrivare una coppia che scopre che i propri posti sono un paio di file davanti a noi vicino a un tipo obeso. E il marito per consolare la moglie le ha detto, indicandoci con lo sguardo: "per lo meno non ci è toccato il bambino...", con lo stesso terrore nella voce di una teenager a cui è arrivato il ciclo in ritardo. 

No, non vogliamo salire per primi. Quello che le famiglie in viaggio coi bambini piccoli desiderano veramente, l'unica cosa che ci renderebbe veramente la vita più facile, è UNA CORSIA PREFERENZIALE PER IL CONTROLLO PASSAPORTI NEL PAESE DI ARRIVO
Perché non abbiamo fretta di imbarcarci, ma una volta arrivati a destinazione con 1, 2 o 3 mocciosi rognosi, stanchi, affamati, assetati, nauseati, e infestati di Jet-lag non vediamo l'ora di uscire.

Ecco. È tutto, grazie. Non mi sembra una richiesta irragionevole. 
Il primo paese che implementerà questa misura innovativa, dovrà preparare le proprie infrastrutture perché subirà un'invasione di expat. Ciò che fa bene gli expat, fa bene all'economia.  

Prego. Non c'è di che.  


Sunday, June 10, 2018

of the expat wedding dress - sull'abito da sposa expat


Expats are obsessed with their pictures. It's really the only lifeline we have to some kind of stability, like those cables that connect astronauts to the space station during space walks.
I have a hard drive with all our pictures in a deposit box. That's my most valued possession, together with my grandmother's silver teaspoons.

Our pictures are the attic full of memories we could not collect, because with every move we had to travel light and cleanse. The cleansing is not just dictated by the prices of intercontinental containers.

You can only disassemble and reassemble furniture that many times before it starts looking like something from a Dalì painting.
You can only unpack and repack that Barbour coat you wore at university that many times, before you realise it's just making everything else in your closet (and the container) smell like duck fat.

But sometimes it's simply destiny deciding for you.
I've had my precious Christmas decorations collected bit by bit at every Christmas we spent in every country we've lived in DESTROYED by the moving people during our move to Japan. Out of the moving box marked "Xmas" only came golden corn-flakes of thin sparkling glass fragments. It was the only time I cried over stuff. Because during moving time, every expat's survival mantra is: stuff is just stuff.

And then there was my wedding dress. I had dragged it along with us for no other reason that I didn't really know where to leave it, and once it came out of its box streaked with mold like a piece of blue cheese.
I said nothing.
I tried to look away as if disposing of a dead family pet.
I let my emotions implode, transferred it into a garbage bag and threw it away.

At least my daughter won't need to find excuses not to wear it, although now that she is in vintage mode she really wishes I still had my stinky Barbour.

------------------------------------------

Gli expat sono ossessionati dalle loro foto. Le foto sono l'unico elemento di continuità e danno sicurezza, come i tubi degli astronauti che durante le passeggiate spaziali li collegano allo space shuttle. Io ho un hard drive con tutte le nostre foto depositato in una cassetta di sicurezza. È la cosa più preziosa che possiedo, insieme ai cucchiaini d'argento di mia nonna Lidia.

Le nostre foto sono quella soffitta piena di ricordi che non abbiamo potuto accumulare, perché ogni trasloco ci ha costretti ad abbandonare il superfluo in una specie di rito purificatore. La purificazione non è dettata soltanto dai prezzi dei container intercontinentali.

Ci sono mobili che puoi smontare e rimontare solo un certo numero di volte prima che sembrino usciti da un quadro di Dalì.
Puoi mettere e togliere dagli scatoloni quella Barbour che avevi all'università solo un certo numero di volte prima di renderti conto che non fa altro che impuzzarti di grasso d'oca tutto l'armadio, e l'intero container.

Ma a volte è il destino che decide per te.
Tutte le decorazioni natalizie raccolte per anni in tutti i paesi in cui abbiamo trascorso il Natale sono state disintegrate dall'agenzia dei traslochi quando ci siamo trasferiti in Giappone. Dallo scatolone con su scritto "Xmas" sono usciti soltanto corn-flakes dorati di sottili frammenti di vetro scintillanti, e ho pianto. È stata l'unica volta che ho pianto per un oggetto, perché ogni expat sa bene che quando si trasloca è tutto solo "roba".

E poi c'era il mio abito da sposa. Me l'ero sempre portato dietro più che altro perché non sapevo dove lasciarlo e una volta approdati in un nuovo paese ho aperto la sua scatola e l'ho trovato striato di muffa, era diventato gorgonzola.
Non ho detto una parola.
Ho cercato di non guardare, come se mi stessi disfacendo della carcassa del gatto di famiglia.
Ho lasciato implodere l'emozione mentre lo trasferivo in una sacchetto dell'immondizia e l'ho buttato via.

Per lo meno mia figlia non dovrà trovare scuse per non indossarlo quando cercherò di rifilarglielo. Anche se adesso che è in fase Vintage quel Barbour puzzolente vorrebbe proprio che l'avessi ancora.


Friday, May 25, 2018

of crude feminism -- sul femminismo crudo

So the bad thing about having teenagers: constant discussions. The good thing about having teenagers: constant discussions. 
They are little people in grown-up bodies and they are struggling to understand this world around them, that's scary and enigmatic and full of exciting possibilities. 

We have talked about feminism and I had to admit that I've had my own turmoil about this issue since I started my master at St. Gallen, because we've had some Diversity and Inclusion lectures and I've been at conferences about the future of women in business. 

One of these conferences in particular left me quite discouraged, although the speaker was trying to convey the opposite message to an audience made up mainly of young professional women. She told them that they should not feel guilty about choosing career over raising children, because "apart from giving birth, everything else can be delegated". I felt this was the stuff postpartum depression is made of: the crude trivialisation of motherhood
Not cool. The speaker was Monika Rühl, the director of Economiesuisse.

I think this kind of feminism is very counterproductive for women. The myth that kids have been born since the beginning of time and that therefore taking care of a baby is an unremarkable task. 


No, lady. 

Women who choose to take some time off work to raise their children shouldn't have to deal with this kind of judgement. It's hard enough.

This is the same distasteful feeling of "crude feminism" I get every time I read in the news that this or that woman is all about the right of breastfeeding in public, and will make her point by whipping out her boob in front of people and posting it on Instagram. 


Well. No. 

This happens a lot in the US, where pro-breastfeeding groups of women even organise breastfeeding sit-ins to make the point that it's natural and that babies have the right to eat.

I feel ist's the same kind of misleading trivialisation. 

My son was born in the US 18 years ago and I have breastfed him for six months in parks, malls, airports, planes and restaurants without ever receiving a single negative remark. I was not hiding in a corner but I was covering up with a cloth, and hot because breastfeeding is dirty or shameful, simply because it's INTIMATE and I wanted to protect my baby's quiet place.

But no. Now if you are a real feminist you need to whip it out and show it to the world. What's next on the agenda? Giving birth in public? Because that's pretty damn natural as well.

I feel this trivialisation of motherhood will backfire, if it hasn't already. Mothers are not hens on an egg farm, there is much more after giving birth that should not be delegated, dear Ms. Rühl. 

--------------------------

La cosa peggiore di avere adolescenti sono le discussioni continue, la più bella sono le discussioni continue. Sono piccoli esseri umani in corpi da adulti e stanno cercando di capire questo mondo che li circonda, così spaventoso ed enigmatico, e pieno di eccitanti possibilità. 

Abbiamo parlato di femminismo e ho dovuto ammettere che anch'io ci ho pensato molto da quando ho iniziato il master all'Università di St. Gallen, perché ho seguito qualche lezione su Diversity and Inclusion (Diversità e Inclusione, si dice così?) e ho assistito ad alcune conferenze sull'argomento delle donne nel mondo del lavoro. 

Una di queste conferenze in particolare mi ha un po' scoraggiata, nonostante chi parlava avesse l'intenzione opposta. Si rivolgeva a un pubblico composto principalmente da giovani donne professioniste e ha detto loro che non devono sentirsi in colpa se scelgono la carriera al posto di crescere i loro figli, perché "a parte farli nascere, tutto il resto si può delegare". Ho avuto l'impressione che questa fosse esattamente la benzina che alimenta la depressione post-parto: la banalizzazione della maternità


Inaccettabile. 

Chi parlava era Monika Rühl, la direttrice di Economiesuisse.

Secondo me questo tipo di femminismo è molto controproducente. Il mito che  i bambini sono nati dall'inizio dei tempi e che quindi occuparsene è un compito banale.


 No, cara ragazza.  

Le donne che scelgono di prendersi un po' di tempo per crescere i loro figli non dovrebbero aver a che fare con questo tipo di sentenza. È già abbastanza difficile anche senza, grazie.

La stessa sensazione sgradevole di "femminismo crudo" la avverto anche ogni volta che leggo nelle notizie che una donna per promuovere il proprio diritto di allattare in pubblico, ha tirato fuori la tetta in un luogo pubblico e l'ha anche postata su Instagram. 


No, care ragazze. 

Questo succede sovente in America, dove gruppi di donne che vogliono reclamare il proprio diritto ad allattare dove je pare, organizzano delle dimostrazioni in luoghi pubblici, allattando tutte insieme. Perché è una cosa naturale e i bambini, come tutti, hanno il diritto di nutrirsi. 

Mi sembra lo stesso tipo di banalizzazione fuorviante. 

Mio figlio è nato in American 18 anni fa e l'ho allattato per 6 mesi in parchi, aerei, aeroporti, ristoranti, centri commerciali senza che nessuno avesse mai niente da ridire. Mi nascondevo in un angolo? Certo che no, ma mi coprivo con un piccolo telo e non certo perché fosse disdicevole o vergognoso, semplicemente perché allattarlo eran un momento INTIMO e volevo proteggere quell'angolo sereno per il mio bambino. 

Ma no. Se sei una vera femminista devi farlo vedere a tutto il mondo. Poi cosa viene dopo sul programma? Il parto pubblico? Perché anche quello é naturale, no?

Mi pare che questa banalizzazione ci si ritorcerà contro, se non l'ha già fatto. Le madri non sono galline in un allevamento per la produzione delle uova e ci sono tante cose che dopo la nascita non dovrebbero essere delegate, cara Ms. Rühl. 

(Pic from Pinterest)