Monday, April 30, 2018

of who deserves business class -- su chi merita di volare in business

I am part of this Facebook expat group and I sometimes read their posts out of sheer masochism. When I first went overseas as an expat it was 1997, and I admit that I had no idea what I was signing up for. But with Google at your disposal, ladies, how can you still be so fucking clueless

A few days ago a lady wrote that she was going to move to Asia in the summer for her family's first international assignment. 
She was outraged at the fact that the company would be paying business class for her husband and economy class for her and their two kids. 
She said this was not viable because she gets airsick and cannot possibly look after the kids by herself on a 10-hour flight. 


A-A-A-A-A-A-A...
(bitter laughter, no Hs)

Dear lady, this is the first of many, many, many long flights you will take alone with the kids. That airsickness of yours? Better suck it up or stay home.

The company will always favour your husband over your family, because for them he is an asset and the rest of you a mere nuisance, especially if they need to pay for international schools for the kids. 

Your husband can put his foot down to a certain extent to negotiate better conditions but it's a gamble that depends on his position and how long he's been working for that company. 

Some husbands swap and let their wife enjoy business class to sugarcoat the move. We did this only as long as we didn't have kids, because my husband is like those astronauts from the movies who fly frozen to stop time. He buckles up and immediately falls asleep and I just didn't want to end up like Jodie Foster on FLIGHTPLAN, where she loses her daughter on a plane and struggles to find her while trying to prove her sanity. The perfect synopsis of an expatriate move. 


-----------------------

Seguo questo gruppo di donne expat su Facebook e a volte leggo quello che scrivono, ma per puro masochismo. Quando mi sono trasferita all'estero con mio marito la prima volta era il 1997 e ammetto che non avevo idea in cosa mi stavo mettendo. Ma adesso con Google a disposizione non ci sono scuse, come cavolo fate, ragazze, a essere ancora così ingenue?

Qualche giorno fa, una ha scritto che quest'estate lei e la sua famiglia sarebbero partiti per la loro prima assegnazione internazionale, in Asia. 
Era sconvolta dal fatto che la ditta del marito avrebbe fatto volare lui in business class e lei con i figli in economy. 
Ha detto che la cosa era improponibile in quanto lei soffriva di mal d'aria e non avrebbe assolutamente potuto occuparsi da sola dei figli durante un volo di 10 ore. 

A-A-A-A-A-A-A-A...
(risata amara, senza H)

Cara ragazza, questo sarà solo il primo di tanti, tanti voli intercontinentali da sola con i bambini, quel mal d'aria di cui parli? Dimenticatelo oppure stai a casa. 

La ditta favorirà sempre tuo marito, perché lui per loro ha un valore, mentre voi siete solo una scocciatura, soprattutto se devono pagarvi la scuola internazionale. 

Tuo marito può cercare di rinegoziare le condizioni dell'assegnazione, ma è una scommessa che dipende sia dalla sua posizione che da quanto tempo lavora per loro. 

Alcuni mariti scambiano sedile con la moglie sull'aereo, per raddolcire un po' la fregatura del trasferimento. Noi l'abbiamo fatto solo finché non avevamo ancora bambini, perché mio marito è come quegli astronauti dei film che viaggiano surgelati per fermare il tempo. Si allaccia la cintura e dorme e non volevo finire come Jodie Foster nel film FLIGHTPLAN, quello in cui perde sua figlia sull'aereo e cerca di ritrovarla cercando di mantenersi sana di mente. La sinossi perfetta di un trasferimento expat. 


(Pic from The nutmeg news)



No comments:

Post a Comment