Monday, February 22, 2016

stuff their pockets with condoms - gli riempi le tasche di preservativi


I remember a long time ago as my kids were still in Kindergarten, a friend of mine who had a 16-year-old son told me he was going out to party and spending the night at some girl's whose parents were out of town. And remember asking her: "and what do you do in these cases?" as I still felt closer to BEING a teenager, than to parenting one.
"YOU STUFF HIS POCKETS WITH CONDOMS, THAT'S WHAT YOU DO".

Of course, unaware and naive as I was I thought she was crazy and that I'd grow my kids to be responsible and stay away from fire.

Fast forward a few years and it turns out that I am the one doing the stuffing now. And I understand now that my friend back then was an awesome Mom, not because of the condoms, but because of the fact that her kid had been open about his program for the night, and whoever is in the shaky phase of parenting teenagers knows that it's not virginity that's the holy grail of parenthood, but rather COMMUNICATION. And it's not because you are their friend, which I certainly am not, but because in some magic circumstances (which don't usually implicate eye-contact) kids feel safe enough to let you know a little tiny bit of their troubles without fearing the consequences or your reaction.

It turns out there is a lot of peer-pressure about being sexually active since you are about 15, I do not remember this happening back in my days. Or if some girlfriend was bragging about having done it, you could always get even by making up some bogus story with a Finnish tourist you met at the beach during the summer, nobody was going to check. But now the pressure is on on a more constant basis, movies like No Strings Attached or Friends With Benefits have promoted the myth of the FUCK BUDDY, so much for romance. So I told him: "Make sure that at least the first time you do it for love." I bought the thickest, safest condoms I could find (made from trucks' inner tube like parts of the Freitag bags), and hid them in one of his drawers with a trilingual poem.



--------------------------------------------------


Mi ricordo quando tanti anni fa i miei ragazzi erano ancora all'asilo e una mia amica mi disse che suo figlio sedicenne sarebbe andato a una festa per poi passare la note a casa di una amica i cui genitori erano fuori città. Io con due occhi così (visto che mi sentivo ancora più vicina agli anni della MIA adolescenza, che a quella dei miei figli) le ho chiesto:
"E in questi casi... cosa fai?"
"GLI RIEMPI LE TASCHE DI PRESERVATIVI, ECCO COSA FAI!"

Ignara e naive com'ero, ho pensato che fosse matta e che io avrei cresciuto i miei bambini insegnando loro a comportarsi bene e a stare lontano dal fuoco. 

Saltiamo qualche anno e adesso sono io quella che riempie le tasche. E adesso so che la mia amica era una Madre modello, non per i preservativi, ma perché suo figlio aveva sentito di poter essere onesto con lei, e chiunque si trovi nella traballante fase di crescere degli adolescenti sa bene che il sacro graal del crescerli bene non é la verginità ma bensì la COMUNICAZIONE. E non è per essere un'amica dei propri figli, che io non sono affatto, ma perché in alcune magiche circostanze (che solitamente non comportano contatto visivo diretto) i ragazzi si sentono al sicuro sufficientemente da farti sapere qualcosa delle loro difficoltà senza temere le conseguenze o la tua reazione.

Ho scoperto che c'è molta pressione da parte dei coetanei sull'essere sessualmente attivi già a 15 anni, non mi sembra che per la nostra generazione fosse così. O se c'era qualche mia amica che se la tirava dicendo che l'aveva già fatto, potevi sempre inventarti qualche storia per non essere da meno, con quel finlandese al mare, e nessuno avrebbe potuto controllare. Ma adesso la pressione è più costante e film come Amici di Letto hanno promosso il mito del Fuck Buddy, cioè il compagno di sesso, un inno al romanticismo, proprio. 
E allora gli ho detto: "Almeno la prima volta deve essere per amore". Poi ho comprato i preservativi più spessi e sicuri che ho trovato (fatti con le camera d'aria dei camion come le Freitag) e li ho messi in uno dei suoi cassetti con un poema trilingue:

Anche se sembra sempre 
che litighiamo senza un perché
alla tua mamma al mondo
non importa che di te.

Che tu non pensi che si tratti 
di un "go ahead! green light!"
e che siano tutti quanti
da usare subito, tonight.

Ricordati che sex
after you drink or inhale (--> ti ammazzo)
if the girl is also drunk
can land you straight into jail

Spero tanto tu capisca 
che va fatto per AMOR
e non soltanto perché
the girl is acting like a whore

Don't give into peer pressure
stand your ground and use your head
e non dovrai mai pentirti
anche quando sarai un vecét

Anche se gli ormoni 
ti rendono un T-rex
sia chiaro come un neon:
NO CONDOM, NO SEX

(pic by me, all rights reserved)

2 comments:

  1. Brava! Ottimo bugiardino da cassetto! 😊

    ReplyDelete
  2. Nel cassetto: bugiardino presente, condoms gone! OMYGOD!

    ReplyDelete